Inquinanti e PMA

Inquinanti

PMA
Zeolite

Circa l‘80% di tutte le cellule immunitarie del corpo si trovano nella mucosa intestinale. Ciò significa che la mucosa intestinale svolge un ruolo centrale nelle risposte di difesa.

Ricerca sulla

PMA: Panaceo Micro Attivazione

Sommario degli studi e spiegazioni sul meccanismo d’azione e il principale effetto previsto

L’allarme della comunità sugli inquinanti

Secondo l‘Organizzazione mondiale della sanità (OMS), nonostante i notevoli progressi compiuti negli ultimi decenni in materia di ambiente e salute, le tossine ambientali sono ancora responsabili di un quarto di tutte le malattie e di tutti i decessi nella regione europea.1 

Sebbene la coscienza sanitaria della popolazione sia in costante crescita, allo stesso tempo sempre più persone soffrono delle nuove malattie legate allo stile di vita. Gli esseri umani sono quindi influenzati dalla crescente fatica, problemi digestivi, mal di testa o insonnia, malattie del tratto gastrointestinale, malattie epatiche e renali, malattie della pelle, malattie respiratorie e malattie del sistema nervoso centrale. La mancanza di un modello uniforme rende difficile la ricerca di fattori scatenanti specifici. Le cause sono spesso diverse e i processi sono spesso insidiosi. Negli ultimi anni è apparso evidente che le malattie causate dall‘accumulo cronico di tossine ambientali (in particolare metalli pesanti) si manifestano più frequentemente di quanto si pensasse.

2 Basse concentrazioni di questi contaminanti (come il cadmio o il piombo) possono accumularsi nel terreno e successivamente nelle catene alimentari acquatiche e terrestri.

3 Di conseguenza, come documentato dal Sistema europeo di allarme rapido per gli alimenti e i mangimi (European Rapid Alert System for Food and Feed RASFF), nei nostri alimenti si riscontrano continuamente elevati livelli di contaminanti ambientali.

4 “Quanto è tossico il mio cibo?“ Questa domanda è stata affrontata dagli esperti alimentari nella rivista “Welt der Wunder, edizione maggio 2015“. Le risposte sono state sorprendenti.5 Secondo l‘Università di Bergen, il salmone d‘allevamento è uno degli alimenti più tossici al mondo.

6 Oltre al salmone d‘allevamento, molti altri alimenti sono sovraccarichi di contagi, come antibiotici, pesticidi e metalli pesanti. Secondo Food Watch, i residui di pesticidi (tra le altre cose) possono essere trovati nei mangimi per animali.

7 Nonostante i possibili effetti negativi dei pesticidi sulla salute e la loro persistenza nell‘ambiente, l‘uso continuativo può essere spiegato dalla pressione a produrre cibo a sufficienza e a prezzi accessibili per una popolazione che è raddoppiata dal 1950. Va aggiunto che, nonostante il raddoppio della popolazione, la superficie coltivata a seminativi è aumentata solo del 10 per cento. Sebbene l‘uso di pesticidi appaia essenziale nel lungo periodo può avere effetti negativi sull‘ambiente e sull‘uomo.

8 Secondo il medico ambientale Hans-Peter Hutter (in un‘intervista a Martin Schriebl-Rümmele, giornalista ambientale) 9, i maggiori stress ambientali non sono visibili. A causa della scarsa attenzione che ricevono, sono ancora più devastanti. La ricerca sugli effetti degli inquinanti ambientali negli ultimi 30 anni ha evidenziato che essi sono di vasta portata e diversificati e possono anche influenzare la salute umana. 10

In sintesi, l‘aumento dell‘inquinamento atmosferico (in particolare l‘inquinamento), il numero allarmante di contaminanti (metalli pesanti, pesticidi, fungicidi ed erbicidi) e additivi sintetici (coloranti, aromi e conservanti) nei nostri alimenti, l‘uso di farmaci e droghe socialmente accettabili (nicotina, alcool, caffé e antidolorifici), e sostanze nocive in detergenti, lucidi e prodotti per la pulizia, tutti aggiungono ulteriore stress al nostro corpo

È comprensibile che, oltre alla predisposizione genetica, anche lo stile di vita personale e i fattori ambientali dannosi possano contribuire in modo insidioso alle malattie legate allo stile di vita. Per prevenirlo, gli individui possono adottare misure per ridurre o evitare i fattori di rischio e adottare uno stile di vita più attento alla salute. I risultati di uno studio pionieristico sull‘uomo britannico che ha coinvolto più di 20.000 soggetti dimostrano chiaramente gli effetti di uno stile di vita sano rispetto a uno malsano. Il comportamento salutare è stato valutato combinando quattro parametri (fumo/movimento/consumo di alcol/ nutrizione). È stato rivelato che la differenza nella speranza di vita tra soggetti con stili di vita sani e non sani era di 14 anni.11 

Poiché l‘adattamento del nostro stile di vita non può eliminare tutti i fattori di rischio, sono necessari nuovi approcci per sostenere o alleviare i nostri naturali meccanismi protettivi e la capacità di disintossicazione prima che il nostro corpo raggiunga i propri limiti.

Tabella comparativa delle zeoliti

visita il link 

La PMA-Zeolite protegge il corpo da sostanze indesiderate

Grazie al suo comprovato effetto di blocco degli inquinanti nel tratto gastrointestinale, la PMA-Zeolite può contribuire al mantenimento o all‘acquisizione di vitalità, salute e benessere. 

L‘azione principale della PMA-Zeolite è quella di ridurre lo stress quotidiano aggiuntivo riducendo l‘esposizione diretta ai contaminanti, eliminando così le possibili cause dell‘aumento della permeabilità della parete intestinale. Attraverso il principale meccanismo di blocco dei contaminanti, la PMA-Zeolite può supportare il tratto gastrointestinale e gli organi di disintossicazione, in particolare il fegato.* 

 *) Estratto della relazione di valutazione dell‘organismo di certificazione 

Se l‘intestino è sano, l‘individuo è sano. Questa intuizione è antica quanto la medicina stessa. Anche Ippocrate (300 a.C.) disse: “L‘intestino sano è la radice di tutta la salute“. In nessun‘altra parte del corpo c‘è un contatto più intenso con sostanze estranee che nell‘intestino. Una potente barriera protettiva è quindi “il primo guardiano“ del nostro sistema immunitario e quindi un prerequisito essenziale per un metabolismo ben funzionante. Proteggere la barriera intestinale significa anche rafforzare il sistema di difesa dell‘organismo contro sostanze indesiderate e alleviare il sistema di disintossicazione (emuntori). „ “

La parete intestinale - la barriera protettiva del nostro corpo

Di conseguenza, nel nostro confronto quotidiano con tossine provenienti dall‘ambiente, cibo, detergenti così come le droghe ricreative (nicotina, alcol), il nostro corpo deve essere altamente adattabile. Il tratto gastrointestinale gioca un ruolo particolarmente importante perché è la più grande interfaccia con il mondo esterno. Attraverso questa “barriera di confine“ vengono trasportate fino a 1 t di sostanze nutritive all‘anno (adulti). Allo stesso tempo, la mucosa intestinale, che ha un‘ampia superficie, fornisce un‘efficace barriera contro l‘assorbimento di particelle di cibo non adeguatamente digerite, endotossine batteriche, inquinanti inorganici e metalli pesanti. 12 Oltre alla funzione di barriera essenziale, la mucosa intestinale, la parete intestinale e il tessuto linfoide associato all‘intestino (GALT) rappresentano la sede principale del sistema immunitario. Circa l‘80% di tutte le cellule immunitarie del corpo si trovano nella mucosa intestinale. Ciò significa che la mucosa intestinale svolge un ruolo centrale nelle risposte di difesa. 13 A questo proposito, il microbioma interno, che è composto da un gran numero (1×1014) di microrganismi, è essenziale per la difesa, ed è pertanto oggetto di numerosi studi. 14

Stampa Email

made in austria Ecobase

Made in Austria by Panaceo GmbH 

Certified according to the EU Directive

Certified according to the EU Directive 

under ISO Certification EN ISO 13485

Swiss Association for Quality Management System under ISO Certification EN ISO 13485

EU Research Development

EU Research & Development